Cerca nel blog

domenica 30 luglio 2017

Silvio Orlando protagonista di Segreti d’Autore - Festival dell’Ambiente, delle Scienze e delle Arti



NATURA DELLA LEGALITA'. LEGALITA' DELLA NATURA

Settima edizione

Cilento – Provincia di Salerno, dal 30 luglio al 14 agosto 2017
PRESENTA
2 agosto Valle/Sessa Cilento - Palazzo Coppola

Ore 21,30 La magia dell'interpretazione Silvio Orlando dialoga con Ruggero Cappuccio

Consegna del Premio Segreti d'Autore (scultura realizzata da Mimmo Paladino)

Segreti d'Autore è un'iniziativa che fa parte dell' "Intervento co-finanziato dal POC Campania 2014-2020".


Il secondo appuntamento di Segreti d'Autore - Festival dell'Ambiente, delle Scienze e delle Arti, dal titolo La magia dell'interpretazione, ha come location il meraviglioso borgo di Valle (Sessa Cilento) e il settecentesco Palazzo Coppola.

Il 2 agosto Ruggero Cappuccio dialoga con Silvio Orlandoripercorrendo con il celebre attore, la sua carriera tra televisione, cinema e teatro.

L'immediatezza della TV, con la quale si diventa parte integrante del quotidiano del pubblico. 

Il cinema che è fotografia, luci, location naturali, sfumature, micromovimenti. 

Il teatro come luogo dove tutto accade, dove finzione e realtà si confondono perché non ci sono filtri, l'altrove dove tutto ebbe inizio. 
Tre mondi apparentemente diversi dove la parola e la comunicazione fanno da comune denominatore al percorso attoriale. 

Molti e diversi sono i paesaggi interni alla parola, ma non meno importanti ed interessanti sono le atmosfere che dalla parola promanano, la temperatura interiore che da essa si percepisce

Ed è da questa prospettiva di senso che Ruggero Cappuccio e Silvio Orlando si confronteranno, accompagnando il racconto con immagini video della carriera dell'attore più volte vincitore del David di Donatello, del Nastro d'Argento, del Globo d'Oro, del Ciak d'Oro, della Coppa Volpi alla 65° Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e interprete di un indimenticabile personaggio nel serial movie The Young Pope di Paolo Sorrentino. 

Durante l'incontro sarà conferito il Premio Segreti d'Autore 2017 a Silvio Orlando, opera realizzata da Mimmo Paladino

L'ingresso agli eventi è gratuito.



--

sabato 29 luglio 2017

FOOD NETWORK: AD AGOSTO ARRIVA GIADA DE LAURENTIIS

AD AGOSTO SU FOOD NETWORK FA IL SUO INGRESSO LA STAR AMERICANA GIADA DE LAURENTIIS SUL CANALE 33 DEL DIGITALE TERRESTRE

Fa il suo ingresso su Food Network – il canale di Scripps Networks Interactive, visibile sul 33 del digitale terrestre – la popolarissima star americana Giada De Laurentiis.

Dal 14 agosto, ogni giorno dal lunedì al venerdì alle 9.20 del mattino, sarà la protagonista di Weekend con Giada. 

La chef di fama internazionale prenderà tutti per la gola, portando tutti con sé in alcune delle destinazioni culinarie più importanti del mondo. Passerà dal fine settimana a Seattle, a quelli a New York e Newport. 

Per poi spostarsi anche nelle più famose cantine di Napa e proseguire per Los Cabos in Messico. 

E ancora, imparerà come si mangiano i gamberi d'acqua dolce a New Orleans, attraverserà l'oceano per assaporare qualche piatto tipico londinese e farà tappa a Las Vegas per giocare al casinò dell'Hotel Wynn e cenare da Rao's.

Oltre ai luoghi da sogno consigliati da Giada per il weekend, ad agosto su Food Network vedremo anche Restaurant: Impossible. 
Dal 14 agosto, dal lunedì al venerdì alle 19.20, lo chef inglese Robert Irvine, porta la sua esperienza oltreoceano per salvare dal tracollo i ristoranti d'America. 

Riuscirà a trasformare questi ristoranti impossibili - e i loro altrettanto impossibili proprietari - prima che le loro porte chiudano per sempre? 
E ancora, dal 1° agosto dal lunedì al venerdì alle 22.00, arriva Ristoranti allo Sbando. 

Quando un ristorante è sull'orlo del fallimento e i proprietari 
chiedono aiuto, Willie Degel risponde alla chiamata. Dopo aver osservato da vicino i problemi del locale, Willie affronta lo staff e rivela i suoi consigli preziosi per salvare il tutto.

Infine, dal 24 agosto ogni lunedì e giovedì alle 21.10 va in onda una nuova stagione in prima tv assoluta di Chopped, il cooking show condotto da Ted Allen che da anni spopola negli Stati Uniti con 35 stagioni e oltre 400 episodi in onda. 

Come sempre 4 chef professionisti trasformano ingredienti fuori dal comune in uno straordinario menù di tre portate per aggiudicarsi un premio in denaro del valore di 10.000 dollari. 

Nella prima puntata di questa nuova stagione, i partecipanti verranno totalmente spiazzati: dovranno infatti preparare colazione, pranzo e cena al posto dei soliti antipasto, piatto principale e dolce. 

E, finalmente a settembre, arriverà l'attesissima versione italiana di Chopped con Gianmarco Tognazzi e in giuria i 3 chef di fama internazionale Philippe Leveillé, Rosanna Marziale e Misha Sukyas.



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 28 luglio 2017

La Pellicola d'oro sbarca in Laguna


Saranno il “Migliore direttore di Produzione Italiano de La Biennale di Venezia” e il “Migliore direttore di Produzione Internazionale de La Biennale di Venezia” i due riconoscimenti de “La Pellicola d’Oro”, che saranno consegnati a due film in concorso, durante la 74. Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica La Biennale di Venezia, tra i premi collaterali.

Il prestigioso premio cinematografico è promosso ed organizzato dall’Ass.ne Cult.le “Articolo 9 Cultura e Spettacolo” e dalla “Sas Cinema” di cui è Presidente lo scenografo e regista Enzo De Camillis.

La Pellicola d’Oro” è un riconoscimento, giunto alla sua VII edizione, che ha come obiettivo portare alla ribalta quei “mestieri” il cui ruolo è fondamentale per la realizzazione di un film ma che, allo stesso tempo, sono praticamente “sconosciuti” o non correttamente valutati dal pubblico che frequenta le sale cinematografiche o guarda i film sui canali televisivi. 

Accanto a questi riconoscimenti però, non mancano premi speciali che vengono assegnati ad altri esponenti del cinema, dello spettacolo e della cultura, che si sono particolarmente distinti nella loro carriera anche in relazione al positivo rapporto instaurato con le maestranze, tecnici e artigiani che operano sul set.

Dallo scorso anno, inoltre, “La Pellicola d’oro, ha varcato i nostri confini con due appuntamenti importanti a Lisbona (Portogallo) e a Sofia (Bulgaria) in cui si è tenuta la prima edizione del Premio Cinematografico.

La presenza di questo premio alla 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica La Biennale di Venezia segna un grande traguardo per far conoscere ancora di più al pubblico un premio dedicato a chi fa il cinema ma lavora sempre dietro le quinte.

martedì 18 luglio 2017

LO SCHERMO DELL' ARTE FILM FESTIVAL | X EDIZIONE | 15-19 novembre 2017, Firenze



Image
Lo schermo dell'arte Film Festival
X edizione
Firenze, Cinema La Compagnia
15 – 19 novembre 2017


Le prime anticipazioni del programma del decennale del Festival
che si terrà a Firenze dal 15 al 19 novembre:
cortometraggi e lungometraggi, incontri, ospiti e progetti di formazione.


"Siamo felici di festeggiare i dieci anni del Festival con gli artisti, i partner, gli amici e il pubblico che ha condiviso con noi l'entusiasmo per un'esperienza unica nel panorama italiano e internazionale. Sarà un'edizione speciale con alcune sorprese, anteprime di film, tanti artisti e registi che arriveranno a Firenze ".
Silvia Lucchesi, direttore LSdA


LO SCHERMO DELL'ARTE FILM FESTIVAL celebra il decennale con un'edizione ricca di eventi, presentazioni di film, mostre e progetti di formazione, per un'immersione tra le molteplici forme espressive con cui gli artisti mettono in relazione arte contemporanea e cinema.
Progetto internazionale diretto da Silvia Lucchesi, il Festival animerà la scena culturale fiorentina dal 15 al 19 novembre 2017, tra il Cinema La Compagnia, casa dei grandi festival internazionali,  e altri luoghi della città.

Tra gli artisti che saranno ospiti del Festival: Roee Rosen che presenterà il suo ultimo video The Dust Channel, Adrian Paci con il nuovo Interregnum, Jeremy Deller, autore di Bom Bom's Dream realizzato con la coreografa Cecilia Bengolea.

In programma anche anteprime di film sui protagonisti dell'arte contemporanea quali Koudelka Shooting Holy Land di Gilad Baram, sul celebre fotografo ceco ripreso al lavoro in Palestina e Israele, e In Art We Trust in cui Benoît Rossel intervista alcuni noti artisti della scena contemporanea sul processo della creazione.

Inoltre, la III edizione di Feature Expanded. Art Film Strategies, diretto da Sarah Perks e Leonardo Bigazzi, realizzato in partnership con HOME Manchester, programma di formazione rivolto a ampliare le competenze e promuovere il lavoro di artisti che desiderano realizzare il loro primo lungometraggio; e la VI edizione di VISIO. European Programme on Artists' Moving Images, a sostegno delle giovani generazioni di artisti che lavorano con video e cinema.
Image
Tra i cortometraggi sarà presentata l'anteprima di The Dust Channel (2016), nuovo lavoro dell'artista, scrittore e regista israeliano Roee Rosen, esposto a Documenta 14 e, dal prossimo 20 settembre, alla Galleria Riccardo Crespi di Milano. Un'operetta lirica surreale con libretto in russo con protagonista l'aspirapolvere Dyson DC07 e ambientata nella casa di una famiglia borghese israeliana, la cui fobia dello sporco e di qualunque presenza estranea si trasforma in una perversa devozione verso gli elettrodomestici per le pulizie: una riflessione ironica sulla xenofobia, dove l'elemento della polvere è messa in relazione alla sabbia del deserto e al centro di detenzione per rifugiati politici Holot nel deserto israeliano.

Il nuovo video di Adrian Paci Interregnum (2017), in cui sono assemblati filmati delle celebrazioni di funerali di dittatori comunisti di varie nazionalità e varie epoche, con la folla silenziosa e ordinata sconvolta dal dolore, con cui l'artista albanese vuole denunciare la manipolazione e il senso di spersonalizzazione degli uomini e la natura del corpo politico tirannico.

E ancora Bom Bom's Dream (2016) dell'artista Turner Prize 2004 e rappresentante della Gran Bretagna alla Biennale di Venezia 2013 Jeremy Deller che, insieme alla coreografa e performer Cecilia Bengolea, segue la ballerina rap giapponese "Bom Bom" mentre partecipa in Giamaica a un contest di musica dance locale. In questo film, realizzato in occasione della trentaduesima Biennale di San Paulo, Deller, che è anche l'autore della colonna sonora, esplora il tema ricorrente anche in altre sue opere del carattere sociale dei rituali relativi al mondo della musica popolare.
Image
Il film Fall into Ruin (2017) dell'artista statunitense William E. Jones racconta attraverso fotografie e la narrazione delle voce fuori campo la visita dell'autore ad un luogo straordinario della élite culturale di Atene degli anni 70 e 80: la villa del mercante e collezionista greco Alexander Iolas. Oggi abbandonato e semidistrutto, quello straordinario luogo, in passato riccamente arredato con opere d'arte contemporanea e antichità, era stato il centro in cui una comunità gay e cosmopolita si riuniva intorno a Iolas, anche protettore di giovani artisti tra i quali Andy Wharol e Max Ernst.
Image
Tra i lungometraggi, Koudelka Shooting Holy Land (2015), in cui il regista Gilad Baram segue Josef Koudelka nel suo ultimo progetto fotografico sulla Terra Santa: immagini emblematiche del conflitto fra Israele e Palestina, panorami mozzafiato della Cisgiordania, la vita quotidiana degli abitanti sono immortalate dalla macchina del fotografo ceco, divenuto celebre per la sua documentazione dell'invasione sovietica di Praga del 1968.

Nel film di Benoît Rossel In Art We Trust (2016), alcuni noti artisti contemporanei quali Lawrence Weiner, Esther Ferrer e Bridget Polk, Liam Gillick e John Armleder parlano del ruolo dell'arte e del processo della creazione, nel tentativo di svelare le ragioni di un mestiere visto come sacro da alcuni e disprezzato da altri.

Nei giorni dello Schermo dell'arte si svolgerà la parte conclusiva della III edizione di Feature Expanded. European Art Film Strategies, programma di training unico in Europa rivolto ad artisti che desiderano realizzare il loro primo lungometraggio, che ha permesso ai partecipanti delle prime edizioni di sviluppare e produrre i propri progetti presentandoli a festival internazionali e vincendo riconoscimenti. Ideato e promosso da Lo schermo dell'arte Film Festival e da HOME, è sostenuto dal programma Creative Europe/MEDIA. Dopo un primo momento di residenza a Manchester il giugno scorso, con workshop, masterclass e proiezioni, e un tutoraggio on line nei mesi successivi, i 12 artisti selezionati presenteranno a Firenze i loro progetti di film in una pitch session di fronte ad una giuria internazionale e ad un gruppo di possibili produttori. La rosa dei partecipanti include artisti già affermati internazionalmente, come Pauline Curnier Jardin (Francia) che espone alla 57° Biennale di Venezia, i cui film teatrali ritraggono eventi storici e personaggi attraverso scene stilizzate; Angela Anderson (USA/Germania) artista e regista che lavora sull'intersezione di filosofia, ecologia, economia, migrazione, tematiche femministe e queer, attualmente presente con una sua opera a documenta 14; Ursula Mayer (Austria) vincitrice nel 2014 del premio Derek Jarman, che nel proprio lavoro utilizza segni e immagini presi in prestito dall'architettura, dalla moda, dalla letteratura, dalla politica, dalla mitologia, dalla geologia e dalla scienza.
Image
In collaborazione con alcune delle più importanti accademie, scuole d'arte e residenze per artisti europee, quali Rijksakademie (Amsterdam), Palais de Tokyo (Parigi), Royal College of Art (Londra), saranno selezionati 12 artisti under 35 che lavorano con le immagini in movimento che parteciperanno a VISIO European Programme on Artists' Moving Images, giunto alla VI edizione e curato da Leonardo Bigazzi.
Avranno la possibilità di confrontarsi con curatori, critici e direttori di importanti realtà museali del panorama internazionale e presentare il loro lavoro di fronte al pubblico.
Le riflessioni e le ricerche condotte dagli artisti delle precedenti edizioni di VISIO European Programme on Artists' Moving Images, saranno invece raccolte in una pubblicazione edita da Mousse Publishing.

Lo Schermo dell'arte Film Festival 2017 riceve il sostegno di Regione Toscana, Comune di Firenze, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e Fondazione Sistema Toscana.



Lo schermo dell'arte Film Festival - X edizione
diretto da Silvia Lucchesi
Firenze, Cinema La Compagnia
15 – 19 novembre 2017






--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 17 luglio 2017

TV8: DA DOMANI "CINE SUMMER JUKEBOX" CON FILM CHE HANNO SEGNATO INTERE GENERAZIONI

TV8
Presenta
CINE SUMMER JUKEBOX
Un'estate in compagnia dei film che hanno segnato intere generazioni

Doppio appuntamento dal 18 luglio ogni martedì dalle 
21.15 su TV8

Dal 18 luglio al via su TV8 (tasto 8 del telecomando) Cine Summer Jukebox, il ciclo di grandi film che hanno segnato l'immaginario di intere generazioni. La speciale selezione del jukebox di TV8 prevede ogni martedì dalle 21.15 due film cult all'insegna dell'avventura, dell'azione, del romanticismo. Fino al 19 settembre, saranno dieci gli appuntamenti con pellicole iconiche, per un tuffo nei migliori ricordi cinematografici.

Il primo appuntamento del ciclo, alle 21.15, è con Laguna Blu: il film di grande successo del 1980 diretto da Randal Kleiser e interpretato da Christopher Atkins, nei panni di Richard e Brooke Shields, nel ruolo di Emmeline. I due, ancora bambini, approdano su un'isola deserta, in seguito ad un disastroso naufragio. Qui, con il passare degli anni, dovranno fare i conti con le insidie e i pericoli della natura, l'adolescenza, i sentimenti e l'amore. La serata prosegue poi alle 23.15 con A spasso con Daisy, la pluripremiata pellicola americana del 1989 su una tenera storia di amicizia, con Jessica Tandy, Morgan Freeman e Dan Acroyd.

Uma Thurman è la protagonista indiscussa della serata di martedì 25 luglio. La musa di Quentin Tarantino è il volto di Kill Bill – Vol.1, in prima serata e Kill Bill – Vol.2, in seconda serata. Entrambi raccontano le avventure di "The Bride", la protagonista, che subisce una terribile imboscata durante le sue nozze. Dopo 4 anni si risveglia dal coma con un unico obbiettivo: vendicarsi dei responsabili della morte del marito e del figlio.

A seguire, martedì 1° agosto in prima serata è la volta de La Guerra dei Roses, la brillante tragicommedia diretta da Danny DeVito, su una coppia apparentemente felice che arriverà ad odiarsi. In seconda serata segue Point Break – Punto di rottura: una banda di rapinatori travestiti da presidenti americani prende d'assalto le banche di Los Angeles. L'agente speciale Johnny Utah (Keanu Reeves) segue le loro tracce, che lo conducono a indagare nel mondo del surf.

Martedì 8 agosto arriva un doppio appuntamento ad alto tasso di romanticismo con Il Tempo delle Mele 1 e 2. La prima pellicola, che rappresentò l'esordio cinematografico di una giovanissima Sophie Marceau, racconta le vicende della studentessa Vic alle prese con il suo primo amore, Mathieu.

Questi e tanti altri imperdibili appuntamenti vi aspettano su TV8: Robin Hood – Principe dei ladri, Giovanna d'Arco, L'ultimo dei Mohicani, Soldato Jane, La giuria, Le Iene, Il cliente, JFK, Ghostbuster II, Natural Born Killer, Le verità nascoste, Buon compleanno Mr. Grape.
Il ciclo Cine Summer Jukebox vi accompagnerà tutta l'estate, in prima e seconda serata, ogni martedì dal 18 luglio al 19 settembre. Di seguito la programmazione completa:


Prima serata – 21.15
Seconda serata
18 luglio 2017
Laguna Blu
A spasso con Daisy
25 luglio 2017
Kill Bill vol.1
Kill Bill vol.2
1 agosto 2017
La guerra dei Roses
Point break – Punto di rottura
8 agosto 2017
Il tempo delle mele
Il tempo delle mele 2
15 agosto 2017
Robin Hood – Principe dei ladri
Giovanna d'Arco
22 agosto 2017
L'ultimo dei Mohicani
Soldato Jane
29 agosto 2017
La giuria
Le Iene
5 settembre 2017
Il cliente
JFK
12 settembre 2017
Ghostbuster II
Natural Born Killers
19 settembre 2017
Le verità nascoste
Buon compleanno Mr.Grape




--
www.CorrieredelWeb.it

Gli autori di The Jackal e The Pills con SBRATZ a Ex Dogana per Fuori Le Mura @Viteculture Festival


SBRATZ
Dagli sceneggiatori di The Jackal e The Pills una nuova esilarante sketch comedy al femminile
Serata ufficiale con i protagonisti della serie  
a Fuori Le Mura
Le Mura Music Bar @ ViteCulture Festival
Ore 22.00 Stand Up Comedy con Daniele Tinti, Daniela delle Foglie, Francesco Frascà
Ore 23.00 proiezione prime 5 puntate con il regista Luca Vecchi gli autori Serena Tateo e Tommaso Triolo
Presenta Guia Scognamiglio
19 luglio, Ex Dogana, Viale dello Scalo S. Lorenzo, 10 (Roma)

Ingresso gratuito
Con milioni di views sul web e centinaia di migliaia di seguaci sui social, The Pills e The Jackal si sono affermati sulla scena degli youtuber italiani e non solo.
Per l'estate 2017, gli autori delle serie tra le più seguite in assoluto del web si uniscono e si incontrano per SBRATZ un nuovo progetto che verrà presentato a Fuori Le Mura @ViteCulture Festival (gli spazi di Le Mura Music Bar all'Ex Dogana di Roma) con una serata live e la proiezione delle prime 5 puntate della nuova esilarante sketch comedy al femminile. Ingresso gratuito.
A introdurla al pubblico saranno gli stessi protagonisti insieme al regista Luca Vecchi e gli sceneggiatori Serena Tateo e Tommaso Triolo per due ore di spettacolo presentate da Guia Scognamiglio, miglior attrice Roma Web Fest per "Non c'è problema".
Si parte alle 22.00 con la stand up comedy di Daniele Tinti, già protagonista di Natural Born Comedians su Comedy Central, Daniela delle Foglie, anche autrice di La Felicità delle Suore (Mondadori) e Francesco Frascà, volto di Comedy Central.
Alle ore 23.00, proiezione delle prime 5 puntate di SBRATZ con commento del regista Luca Vecchi e degli sceneggiatori Serena Tateo e Tommaso Triolo.
Sbratz è una web serie  uscita la prima volta il 6 giugno 2017. È scritta e ideata da SerenaTateo e Tommaso Triolo, sceneggiatori di the Jackal, con la regia di Luca Vecchi, regista di the Pills. Gli episodi escono ogni martedì sulle pagine Facebook di Sbratz e Alpha Women e, nonostante  il suo recente lancio, solo la prima puntata ha già collezionato oltre 620.000 visualizzazioni.
Da mezzanotte, musica con il SoulBluesRock'nRollFunkAfroBeatAndMore dei SoundBurger.
La serie è prodotta da Federico Sciortino e "Gray Ladder".
  


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 11 luglio 2017

Streaming SERIE TV | blackpills sbarca in Italia: in arrivo le serie su dispositivi mobile per i Millennials


.

La nuova piattaforma di serie blackpills approda in Italia 

blackpills, una nuova società disruptive di media digitali che crea, produce e distribuisce brevi, autentiche e appassionanti serie per giovani adulti, arriva in Italia.
   


  

Parigi, luglio 2017 - In seguito al grande successo del lancio in Francia e negli Stati Uniti, i fondatori Daniel Marhely e Patrick Holzman hanno annunciato l'ingresso ufficiale di blackpills nel mercato italiano il 10 luglio.

Con blackpills viene lanciato un media digitale mobile first, dedicato alla fruizione anzitutto attraverso smartphone. I Millennials portano con sé il proprio cellulare ovunque vadano, per questo blackpills crea programmi adatti ai piccoli schermi di questi dispositivi. Le serie visionarie e audaci puntano a stare al passo rapido dei Millennnials: con formati brevi e innovativi (dai 6 ai 15 minuti per episodio) le serie sono facili da guardare in movimento. blackpills crea serie che parlano ai Millennials attraverso un linguaggio crudo, diretto e senza filtri, trattando argomenti come sesso, droga e violenza.

"Siamo lieti di entrare in un secondo mercato europeo dopo la Francia. Con il nostro lancio in Italia, non stiamo solo estendendo la nostra presenza a livello internazionale, ma stiamo anche offrendo ai Millennials italiani una possibilità del tutto nuova di fruire le serie", spiega Patrick Holzman, co-fondatore di Blackpills. "Il nostro obiettivo è produrre serie che presentino una immagine autentica delle generazioni più giovani e che colpiscano l'utente attraverso contenuti crudi".

Oggi i contenuti sono diventati la nuova dipendenza della generazione che va dai 15 ai 30 anni. Considerando che circa 700 milioni di Millennials in tutto il mondo "divorano" le serie su smartphone e tablet settimanalmente, blackpills sta soddisfacendo questo nuovo tipo di esigenza attraverso un piccolo schermo nelle tasche dei Millennials.

Ma l'interesse non è assicurato dal solo formato innovativo. In pochissimi mesi, blackpills ha radunato alcuni dei più grandi talenti internazionali tra autori, attori, registi, produttori e influencer digitali, come Zoe Cassavetes, Bryan Singer, Patrick J. Adams e James Franco. Offrendo una nuova serie originale ogni settimana, blackpills mostra una line-up estremamente forte.

blackpills fornisce immediatamente ai propri utenti accesso gratuito a tutte le serie con nuovi episodi ogni giorno. Il servizio trae valore dall'inserimento di video pubblicitari durante la visione di ciascun episodio. Presto sarà disponibile un'offerta premium. Uno dei punti di forza della piattaforma è quello di non dipendere da un unico modello di distribuzione, sia esso OTT, media o compagnie di telecomunicazioni/mobile. In ogni Paese blackpills sottoscrive la migliore "partnership" per diffondere la sua piattaforma e condividere le sue serie, così come il suo DNA e il posizionamento del proprio marchio. Al momento le serie sono disponibili nella versione originale (inglese) con sottotitoli in italiano (tre tracce audio e sette lingue sottotitolate).

Dopo il mercato italiano, la piattaforma verrà lanciata, sempre nel mese di luglio, in altri tre Paesi chiave europei: Regno Unito, Spagna e Germania. Sono previsti ulteriori lanci in altri Paesi fino alla fine dell'anno; blackpills è già disponibile su iOS e lo sarà tra pochi giorni anche per Android.

 

***

 

Informazioni su blackpills

blackpills è una nuova azienda di media digitali disruptive che crea, produce e trasmette formati brevi, radicali e coinvolgenti per giovani adulti per un cosiddetto consumo "mobile first". Fondata da Daniel Marhley (fondatore di Deezer) e Patrick Holzman (fondatore di Allociné, direttore di Canalplay e Canal + International), blackpills ha rilasciato la sua applicazione poche settimane fa in Europa, negli Stati Uniti e in Canada, così come su Vice con un canale esclusivo in circa venti Paesi. L'applicazione è oggi già disponibile su Apple Store e lo sarà tra pochi giorni anche su Google Play, ed è gratuita.










--
www.CorrieredelWeb.it

Rukeli 9841 e Mozza vincitori del Roma Fringe insieme a Giorgio Tirabassi al XXIX Civitafestival

Teatro al
XXIX CivitaFestival
Con i vincitori del Roma Fringe Festival e Giorgio Tirabassi

14 luglio, Mozza di e con Claudia Gusmano
15 luglio, 9841 Rukeli di Farmacia Zoè con Gianmarco Busetto
16 luglio, Giorgio Tirabassi in Romantica
ore 21.30, Forte Sangallo, Via del Forte, 1 – Civita Castellana (VT)
Al XXIX CivitaFestival, sono in arrivo tre giorni di teatro dal 14 al 16 luglio con Mozza di e con Claudia Gusmano e 9841 Rukeli di Farmacia Zoè con Gianmarco Busetto, entrambi vincitori del Roma Fringe Festival, e Giorgio Tirabassi con il suo Romantica.
Dallo stretto sodalizio nato tra il CivitaFestival e il Roma Fringe Festival, ogni anno la direzione artistica affidata a Fabio Galadini sceglie tra le proposte del più noto fringe italiano, un vincitore da portare in scena sulla grande piazza dello storico festival civitonico.
Quest'anno la scelta è caduta su due spettacoli, due monologhi intensi e raffinati, al tempo stesso poetici e contemporanei: Mozza di e con Claudia Gusmano e 9841 Rukeli, di Farmacia Zoè con Gianmarco Busetto.
Vincitore "Miglior Drammaturgia", "Miglior attrice" e "Fringers to fringers" al Roma Fringe Festival 2016, "Mozza" (al XXIX Civitafestival il 14 luglio)è un monologo scritto, diretto ed interpretato da Claudia Gusmano che racconta con poesia e delicatezza la storia di una giovane donna e del suo bisogno di libertà. Intimo, denso e appassionato, "Mozza" racconta di acqua troppo salata da bere e di terra troppo pesante da sorreggere, di una donna marinaia per desiderio ma come spesso accade "mozzata" per volontà. Un universo sospeso nel tempo e nello spazio che riporta sul palco il profumo di salsedine, la brezza marina e i colori di una Sicilia arcaica dove a vincere è il bisogno irrinunciabile e necessario di essere se stessi.
Vincitore miglior spettacolo del Roma Fringe Festival 2016, in 9841/Rukeli, (sul palco del XXIX Civitafestival il 15 luglio) Gianmarco Busetto narra la storia vera del pugile tedesco di origine sinti Johann Trollmann detto Rukeli. La vicenda umana e sportiva di un uomo che, da solo, ha osato sfidare la propaganda nazista con uno dei più geniali e potenti atti di comunicazione della storia. Un atto d'amore e dignità che si racconta sotto la pelle tragica di una Germania sfigurata e che emerge nel tempo e nei luoghi di oggi, più vivo di allora, con la forza della riflessione.
A chiudere i tre giorni di teatro, il 16 luglio sarà Giorgio Tirbassi con il suo Romantica, un viaggio nel tempo alla riscoperta di un patrimonio senza tempo: la tradizione popolare romana è raccontata con stili sonori eleganti e ricercati che spaziano dal jazz al manouche, passando per il tango, la bossanova, la milonga. Romantica, un gioco di parole che contiene già nel titolo tutte le sue intenzioni, nasce dal desiderio di Tirabassi di portare alla luce una parte ancora nascosta del repertorio romano antico, che è ricco di serenate e drammi popolari di amore, di dolore e di malavita. Ad accompagnarlo, Luca Chiaraluce alla chitarra, Massimo Fedeli a fisarmonica e pianoforte, Daniele Ercoli a contrabbasso, bombardino, flauto, voce, Giovanni Lo Cascio alla batteria.
Tutti gli eventi si svolgono a Forte Sangallo e sono a ingresso gratuito.


--
www.CorrieredelWeb.it

Festival dell’Himalaya - Teatro Il Maggiore Verbania - sabato 15 luglio 2017 Ingresso gratuito fino a esaurimento posti - offerto dalla Fondazione Lama Gangchen per una cultura di pace



Festival dell'Himalaya
Un arcobaleno di musica e colori dedicato alla pace interiore al benessere sociale e alla cura dell'ambiente
Teatro Il Maggiore Verbania - sabato 15 luglio 2017

mostra nel foyer ore 17 - concerto ore 20.30

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti
offerto dalla Fondazione Lama Gangchen per una cultura di pace


Un'occasione di festa, di conoscenza reciproca e di esperienze culturali vi aspetta al Festival dell'Himalaya: un evento in cui potrete scoprire le originali atmosfere artistiche himalayane e il loro adattamento alla cultura occidentale.

Alle ore 17, nel foyer del teatro, i monaci inizieranno la costruzione di un sacro mandala di sabbie colorate, dedicato alla pace interiore, mondiale e con l'ambiente. Il mandala verrà dissolto alla fine dell'evento, secondo la tradizione buddhista. Ospiterà anche una mostra di rare tavole di medicina tradizionale himalayana, e un'esposizione di arte sacra, di libri, di musica e di oggetti di artigianato. Sarà anche possibile ricevere informazioni sul centro di Albagnano e sulle attività di Help in Action Onlus a sostegno delle popolazioni himalayane.

Lo spettacolo, presentato da Marco Columbro (noto attore, show-man e ricercatore spirituale), spazierà dalle sonorità tradizionali della regione himalayana, eseguite dai lama e dai monaci, alle loro trasformazioni e adattamenti alla cultura occidentale. Il suono asiatico dei mantra che si fonde con la musica pop europea regala all'ascoltatore nuove e originali prospettive sonore.

Il concerto delle United Peace Voices sarà preceduto dalle performance delle cantanti soliste Iosonoaria, che ha appena pubblicato il singolo 100 sorrisi, dal quale eseguirà un brano, e Simona Eugenelo per Yanchen Lamo peace sound.
Il famoso artista di street-art 2501 eseguirà una performance pittorica dal vivo.

La scelta del Teatro Il Maggiore non è casuale ma è il luogo ideale per una festa tra vicini di casa e una buona occasione per ricambiare l'ospitalità del Verbano offrendo un assaggio della cultura himalayana. Infatti, a pochi chilometri da Verbania, da quasi vent'anni T.Y.S Lama Gangchen ha fondato l'Albagnano Healing Meditation Centre, un centro di studio e pratica di buddhismo, nell'accogliente e graziosa Albagnano di Bee (VB). Visitandolo, si potranno ammirare le preziose statue e gli originali arredi sacri della sala di meditazione, il Tempio del cielo sulla terra, oppure partecipare ai tanti seminari, laboratori e attività organizzati durante tutto l'anno. Nell'ampio parco si può visitare un'autentica yurta (tenda) mongola.

Oltre a far conoscere il messaggio di guarigione e di pace dello scienziato interiore Buddha Shakyamuni qui in Occidente, Lama Gangchen si adopera a sostegno delle popolazioni himalayane e ha fondato, a questo scopo, la Help in Action Onlus che, nei suoi venticinque anni di attività, ha realizzato migliaia di programmi di adozione a distanza di bambini, anziani e monaci. Ha anche finanziato la costruzione di ambulatori sanitari e acquedotti, nonché la riforestazione di alcune zone desertiche.

Il gruppo musicale United Peace Voices festeggia il ventennale dal suo esordio. Rispondendo al desiderio di Lama Gangchen di adattare il buddhismo alle sonorità occidentali, la formazione ha esplorato diverse possibilità di arrangiamento delle antiche melodie in forma moderna, ed ha all'attivo più di 32 pubblicazioni in collaborazione con la IRMA Records.

Possa il suono violento trasformarsi in suono non-violento, in suono pacifico, ora e sempre!
T.Y.S. Lama Gangchen
Programma
NEL FOYER, dalle ore 17
·  costruzione di un mandala di sabbie colorate a cura dei monaci tibetani
·  esposizione di rare tavole di medicina tradizionale himalayana
·  arte sacra, libri, musica, artigianato, calligrafia tibetana
·  informazioni sulle attività di Help in Action Onlus a sostegno delle popolazioni himalayane  
·  info-point dell'Albagnano Healing Meditation Centre

IN TEATRO, dalle ore 20.30
·  Preghiera per la pace interiore, mondiale e con l'ambiente guidata dai lama
·  Performance di canti tradizionali tibetani e mongoli
·  Interpretazioni delle soliste Iosonoaria
·  Simona Eugenelo per Yanchen Lamo peace sound
·  Concerto delle United Peace Voices
·  Dediche finali e dissoluzione del mandala

Durante il concerto il famoso street-artist 2501 realizzerà un'opera pittorica
www.2501.org.uk



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI